CV per tutti!

Cari tutti, avrei bisogno di un vostro parere per riuscire a vedere se la lettera di presentazione del mio CV possa essere sufficientemente accettabile.

Vi sarei grato se poteste dedicarci giusto qualche minuto per vedere come suona e se ci sia qualcosa da migliorare.

Vi ringrazio enormemente per il vostro interessamento,

Sempre vostro,
M@rcello;-)



Al referente del personale.

Venuto a conoscenza della vostra realtà aziendale, invio in allegato mio curriculum vitae.

Le mie esperienze maturate negli ultimi anni si sono concentrate principalmente nell'ambito della completa gestione in autonomia delle problematiche inerenti alla manutenzione e alla tenuta in esercizio di una piccola media realtà informatica, nonché la gestione e l'amministrazione dei sistemi informatici correlati.

In tal senso posso portare ad esempio la provata esperienza nella gestione delle chiamate in helpdesk, in cui il contatto e il dialogo con l'utente è al centro della attività al fine di reperire le necessarie informazioni per raggiungere efficacemente e in tempi brevi la risoluzione delle problematiche. Riparazione e assemblaggio computer, verifica e funzionalità, consulenza sulle configurazione delle macchine aziendali con un occhio di riguardo al reale rapporto costi/prestazioni, includendo anche la gestione delle parti di ricambio e manutenzione magazzino (dal nuovo allo smaltimento), con conseguente colloquio con i fornitori.

In ambito sistemistico ho esperienze per quanto riguarda l'amministrazione di un sistema centralizzato di gestione antivirus, nonché la capacità di amministrare piccoli e medi sistemi basati principalmente in ambiente Microsoft. Oltre ciò posso offrire buone competenze di base in ambito di sistemi Linux da poter comunque approfondire con un adeguato affiancamento.

Le mie competenze per tanto mi spingono ad orientarmi alla gestione di un piccolo/medio parco macchine aziendale e relative problematiche inerenti alle interconnessioni e alle telecomunicazioni, con aspirazioni però all'amministrazione lato server.

Ciò nonostante non disdegno anche una parte più inerente alla comunicazione, come ad esempio la formazione informatica (lo dimostrano i diversi corsi che ho avuto occasione di tenere), la gestione e la manutenzione in ambito web (ho fatto per un periodo manutenzione ordinaria al sito www.lanostrafamiglia.it e www.emedea.it), la gestione dei contenuti multimediali quali filmati (conoscenza dei vantaggi/svantaggi dei principali codec video e audio in uso), nonché nell'ambito della fotografia (da qualche anno mi sto dedicando a tale campo. Rimango eventualmente disponibile a presentare qualche produzione).

Viceversa, rimango comunque aperto ad eventuali proposte su specifiche esigenze aziendali, rimanendo disponibile all'affiancamento su realtà più complesse, auspicando che il mio profilo professionale possa corrispondere a vostre specifiche necessità e che si possa infine arrivare ad un colloquio dove poter meglio discutere su questioni di vostro e di mio interesse.

Nell'attesa ringrazio anticipatamente per la gentile attenzione e il tempo a me concessomi. Cordialmente,

L'oggetto del desiderio!

Nonostante non sia una patito della tecnospazzatura, ovvero dell'elettronica di consumo fine a se stessa, di certo però non posso rinnegare una parte della mia anima attirata inesorabilmente verso questi splendidi giocattoloni tecnologici.

Il cellulare che ho adesso ce l'ho da diversi anni, uno dei primi ad avere il display a colori, suoneria polifonica e MMS, unica sostituzione di un altro dal quale mi sono distaccato per "puro diletto" non dopo aver cambiato antenna e batteria.

Nonostante i lunghi anni di servizio e il relativo uso (visto il mio scarso uso e apprezzamento di tali sistemi), purtroppo incomincia anche lui a perdere qualche colpo e sebbene gli abbia già cambiato la pulsantiera, ricavandola da una gentile donazione di un mia amica dal suo cell in disuso (grazie saretta, te ne sono grato! ;).

Considerato poi che è da tempo che mi sta stuzzicando l'idea, nonostante non ne abbia assolutamente bisogno, di farmi un pc portatile o meglio ancora un PDA, ecco che una volta saputo che il 29 giugno scorso è uscito l'Iphone della Apple, non sono più riuscito a togliermi dalla testa il fatto che questo inutile affarino tecnologico deve assolutamente entrare tra le mie mani! ;)

Non mi metterò a disquisire sulle specifiche tecniche del prodotto visto che sicuramente in giro di documentazione se ne possono trovare a bizzeffe, mi limiterò invece a fare qualche considerazione in genere sul perché mi piacerebbe almeno provarlo e vederlo in prima persona.

Sicuramente perché è un piccolo e strepitoso concentrato di tecnologia (e a questo non posso assolutamente non cedere ;), successivamente perché si pone come centro unico di intrattenimento e di interconnessione digitale. In un unico apparecchio insomma, sarà possibile, ascoltare la musica, vedere filmati, navigare in internet e tra i filmati di YouTube, leggere la posta elettronica, accedere alle Google Maps, gestire i contatti della rubrica, Fare fotografie a 2MegaPixel, vedere le previsioni del tempo, .... e magari, oltre anche a tutto questo, anche telefonare ;) !
A tal proposito vi rimando al divertente video satirico sottostante, che ne descrive in maniera sicuramente più esplicita le "infinite e intrinseche potenzialità":





Fin qui, mi direte voi, nulla di così eccezionale, nulla di particolarmente eclatante mai visto prima, considerato che ormai un qualsiasi telefonino evoluto di ultima generazione od un palmare con connettività GSM non facciano già da tempo! Anzi, per certi versi il famigerato Iphone non compete neanche, visto che manca di alcuni aggeggi, considerati ormai essenziali per apparati di questo tipo, come il collegamento UMTS e il ricevitore GPS!

La cosa che invece che mi ha colpito più di tutte e mi è piaciuta davvero un sacco è la modalità con cui tutto questo potenziale possa essere espresso!
Intanto, e scusate ma per una volta mi lascio affascinare da tale futilità, lo stile con il quale si presenta! Non esistono pulsanti! Tutto avviene tramite sensori a sfioramento! Mentre l'interazione con i menù avviene attraverso il monitor touch screen.... multitouch! Ovvero la possibilità di poter interagire non solo evitando di usare "servomeccanismi" come mouse o tastiere, ma bensì approcciarsi più naturalmente con le proprie dita. Pensate, per ingrandire un'immagine è sufficiente puntare con un paio di dita il dettaglio interessato, dopo di che è sufficiente distanziale l'una dall'altra trascinandole sullo schermo, e il gioco è fatto!
E poi... in assoluto, la cosa che mi fa letteralmente andare in brodo di giuggiole, è la possibilità di variare l'orientamento del monitor semplicemente ruotando l'apparecchio! (davvero strepitoso ;)





Va bene, occhei, forse in tutto questo mi sto lasciando un po' prendere dall'entusiasmo del momento, trascinato poi dall'immensa campagna pubblicitaria che è stata fatta: in questo devo ammettere che la Apple è riuscita a fare un gran bel lavoro.

Ovviamente l'uscita di tale apparecchio, non è stato accompagnato solo da grandi entusiasmi, ma anche da numerose critiche, che d'altro canto mi aspettavo in quanto apparecchio davvero unico e innovativo nel suo genere.

Innanzi tutto il prezzo non è particolarmente accessibile: si parla di 499$ per la versione a 4GB e 599$ per quella a 8GB, escluso i servizi di connettività (considerato che io ho comprato un lettore mp3 con schermo a colori, 20GB di memoria, la possibilità di vedere foto e filmati (si occhei, i filmati solo nel suo formato proprietario), radio FM, registratore vocale, giochi e agenda a 189€... capite voi...)

Successivamente la cosa che in realtà mi lascia più perplesso è la necessità di dover sottoscrivere _per forza_ un contratto biennale con la (seppur storica e imponente) AT&T (pensate che nei suoi laboratori è stato sviluppato il linguaggio di programmazione C, caposaldo universale della programmazione moderna!) per avere la possibilità solamente di "accendere" l'apparecchio!

Sono queste in realtà le cose che mi lasciano perplesso e disilluso: il fatto che uno splendido apparecchio tecnologico così ricco di potenzialità, venga limitato da politiche commerciali! (e va bene che questi non sono "un'opera di beneficenza". Del resto fanno il loro lavoro...)

Bhè, di punti forza e a sfavore che ne sono molti... considerato che per ora l'Iphone è commercializzato esclusivamente negli Stati Uniti (proprio per il discorso della AT&T), e che si rumoreggia un possibile approdo in Europa solo all'inizio del 2008, mi lascia un po' di tempo per vedere in giro come evolveranno le cose, e anche se non ci credo molto, magari sperare che possano essere sistemate e migliorate almeno le più importanti criticità. Ma poi soprattutto in questo modo posso avere il tempo che basta per farmi maturare con un po' più di calma la decisione di passare ad un nuovo telefonino, e magari chissà, nel frattempo restare in attesa di quello di PlayBoy ;)

Come al solito vi ringrazio per l'attenzione,
Sempre vostro,
M@rcello;-)

Ragazzi ke Ferie!!!


Cielo a Pecorelle
Originally uploaded by M@rcello;-)
Forse ancora non riesco a realizzarlo bene, ma ancora domani e così purtroppo mi scadranno queste due settimane di mitike ferie! (E in effetti, per chi ancora non se ne fosse reso conto, come si è visto sono stato più presente sul blog ;)

Non che abbia fatto qualcosa di particolare in questa parentesi di distacco dagli affari dell'ufficio, tutt'altro! Anzi credo proprio che sia stato semplicemente il fatto di stare finalmente a casa bello e tranquillo che mi sia piaciuto più di tutto.

Gli altri anni mi sono sempre promosso per rendere le ferie un periodo memorabile, andando magari a stressarmi e a impicciarmi più di quanto non volessi!
E invece quest'anno, in assoluta controtendenza ho voluto dedicare un po' di tempo finalmente solo a me stesso.

Tanto, di tempo e occasioni per viaggiare ne ho sempre durante l'anno, non ultimo il mio viaggetto a Roma di inizio giugno.

In effetti, sarà stato anche l'effetto del cambio di lavoro che in realtà mi ha coinvolto e colpito più di quanto non credessi, ma sono davvero arrivato a sognare, ad agoniare questo felice momento di stacco!

Voi forse non riuscirete a capire, ma in queste due settimane ho finalmente potuto riscoprire e riapprezzare sapori che da anni mi ero buttato alle spalle: la semplice e prelibata sensazione del dolce far nulla, riscoprire finalmente la mentre sgombra dai mille pensieri di tutti i giorni, la straordinaria capacità di tirare tardi la sera senza problemi e di risvegliarsi l'indomani a mattinata inoltrata! ho perfino ripreso a farmi quasi 10 ore a notte di sonno!!! :)

Si lo so' sono un inguaribile pigrone, forse è una questione di geni, ma non per questo non mi sono dato da fare per trovarmi delle alternative di svago: ho avuto occasione per farmi una giornata al lido a prendere un po di sole, mi sono fatto una bella (e massacrante) gitarella in montagna, sono addirittura andato in piscina per cercare di vedere in che stato fosse il mio fisico!
Oltre a questo mi sono dedicato ad alcune pendenti faccende domestiche e amministrative, nonché sono riuscito a chiudere la questione macchinina con il carrozziere!
Per concludere poi, mi sono permesso pure "il lusso" di rimettere mano al cassetto del comodino, discarica temporale di ricordi e minutaglie "murate dentro" da almeno una quindicina di anni! Praticamente è come se avessi fatto un viaggio nel tempo :)!

Tra tutte queste cose fatte però ci sono state altre che invece nonostante la buona volontà non ho minimamente guardato: mi sarebbe piaciuto portarmi avanti con la lettura di alcune cosucce, ma invece niente. Per quanto possa essere stato bene a casa, devo ammettere che non è proprio il luogo migliore per questo genere di cose: lo trovo pieno di distrazioni, la tivù a volte ha davvero un effetto ipnotico e ti costringe e perdere un sacco di tempo in inutile quisquiglie, mentre il letto è davvero una tentazione micidiale!
Sarà per questo che amo così tanto il treno: forse perché mi costringe a gestirmi il tempo in maniera più costruttiva possibile! Mi isola dal mondo e mi lascia concentrare solo sulle faccende che mi interessano!

Comunque sia adesso... adesso ho ancora qualche ora di libertà e poi per quest'estate ho chiuso: lunedì già si rientra nel solito tram-tram quotidiano.

Peccato... l'unica cosa che mi chiedo però se solo due settimane possano essere davvero troppe.... o troppo poche ;-) !!!!

Ciao a tutti voi,
M@rcello;-)

Cara Dolce Casa!


Tramonto Veloce
Originally uploaded by M@rcello;-)
... e così approfittando di questi giorni di ferie ho colto l'occasione per fare un salto in posta per fare un rapido colloquio su la possibilità di contrarre un bel mutuo con cui indebitarmi per i prossimi anni avvenire.

Sinceramente, per ora una delle mete che conto di poter raggiungere quanto prima è proprio quella di riuscire a mettere su una casetta tutta mia, dove potermi finalmente gestire spazi e tempi in completa libertà. Insomma, non che stare a casa con i miei non mi dispiaccia, ha sicuramente degli indubbi vantaggi, ma ad un certo punto anche riuscire ad volare al di fuori dal nido con le proprie ali diventa un'esigenza di primaria importanza.

... dicevamo... mi reco così, con il mio carico di buone speranze e grandi aspettative, nell'ufficio consulenze della posta.
C'è da aspettare un attimo, ma comunque il mio momento arriva, così entro e mi accoglie l'impiegata di turno al quale espongo la mia richiesta. La suddetta signora, mi squadra per benino, e una volta esaminata la busta paga che prontamente mi ero premurato di portare, incomincia ad esordire: "diciamo pure che siccome lei è giovane, potremmo orientarci su un mutuo di 30 anni". Non so cosa sia esattamente successo, ma deve essere in quel momento che ho incominciato sentire a vacillare tutta la mia ingenua speranza. Non che in assoluto non me lo aspettassi, però trent'anni sono proprio un bel impegno! Non ho ancora visutto io così tanto, come posso immaginare di essere indebitato per tutta una durata di questa entità!

Comunque sia, l'impiegata prosegue, si avvicina alla sua calcolatrice a nastro e incomincia a fare un paio di conti, dopo di che esordisce: "Bhè, con il tipo di stipendio che ha potremmo arrivare a riuscire a finanziare, in trent'anni, un massimo di 80.000 euro". A queste parole invece, devo aver sentito distintamente un bel "CRACK"! Il rumore delle mie vane speranze che si rompevano irrimediabilmente!

Tutto ciò insomma mi ha fatto riflettere e mi a fatto correre la mente a mille pensieri!

A dirla proprio tutta non mi sono molto premurato di guardare affondo l'offerta edilizia della zona, ma solamente da quel poco che ho potuto vedere, con quella cifra non saprei neanche se possa essere in grado di acquistare almeno "il portone d'ingresso"! Almeno che di non riuscire ad accontentarsi di una bettola di "20mq" sparsa chi sa dove nella provincia!
Già le sento le risate degli agenti immobiliari alla richiesta sulla mia base economica :(

Si, lo so forse mi sto lasciando un po' prendere la mano, ma lo sconforto e la delusione di sbattere in faccia alla dura realtà sinceramente mi ha un po' scosso.

La cosa che mi ha lasciato sopreso è il fatto che tra tutto, prestito e interessi inclusi, con rate mensili da 500-e-rotti euro, arriverei in TRENT'ANNI a restitutire la modica cifra di 182.000 EURO!!! Cioè, io chiedo un prestito di 80mila e poi te ne devo ritare 100mila in più!!! Si okkey, è vero che lo si fa in 30 anni e che la casa si rivaluta, ma la cosa non di meno mi ha lasciato con la mascella per terra!
Ora, non vorrei fare la figura di quello che come al suo solito casca "candidamente dal pero", e sinceramente a mente fredda penso che non sia questo a farmi veramente specie: del resto lo hanno fatto tutti, primi i miei genitori, non vedo perché io dovrei essere diverso.

Mi fa riflettere, e molto invece, l'impegno dei 30 anni! Specialmente se mettiamo in sieme tutta una serie di cose, prima fra tutte (e forse anche quella più importante), seppur non mi possa realmente lamentare (daltra parte questo è davvero garantito!), quella di non aver ancora trovato il lavoro della mia vita!
È una bella mazzata! E in TRENT'ANNI di cose ne posso accadere!

Per quanto in questi anni, seppur devo ammettere di essermi tolto più che uno sfizio, non credo pure di essere stato così spendaccione: quei quattro soldi che ho da parte li vorrei tenere per le relative spese accessorie (notaio, assicurazione, mobilia, ..., emergenze!) all'acquisto dell'immobile!
Mi viene da chiedere allora, anche che senso abbia tutta questa premura di voler risparmiare a tutti i costi, visto che comunque l'ordine di grandezza per l'acquisto di un immobile è troppo elevato! Non mi basterebbe comunque una vita di sacrifici per potermi permettere uno "squallido monolocale da quattro soldi"!
E sia ben chiaro, non ho aspirazioni tali da vole esigere una reggia, credo che in questo non mi manchino ne spirito di sacrificio ne spirito di adattamento! Mi chiedo solo che senso avrebbe arrivare (allo stato attuale dell cose) a sessatnt'anni suonati a possedere quattro mura, dopo una vita di stenti e rinunce :(

Vedo svanire in una bolla di sapone la possibilità di completare una mia totale emancipazione!

In queste circostanze, per cui, mi è matematicamente preclusa una tale aspirazione! Mi sento dannatamente e inesorabilmente tagliato fuori!

Mi viene da pensare che insomma non sia concepibile nella nostra società che un giovane, che possa offrire "solamente" lo stipendio dignitoso di un lavoro stabile e sicuro, non abbia la possibilità con le proprie forze di autodeterminarsi!

Ovviamente in queste condizioni non sarei assolutamente in grado di sostenere da solo l'onere di un impegno così grande da solo!

Insomma, poi, per quanto mi possa considerare un bel giovane di belle speranze, il destino non ha voluto che si compisse anche per me il miracolo di trovare una partner bella e intelligente con cui sperare di condividere il resto della mia vita.
Men che meno di certo non poteri fare conto su un possibile aiuto da parte dei miei genitori, che a loro volta hanno speso _la loro_ vita per comprare _la loro_ casa!

È mai possibile che o si abbia uno stipendio da capogiro o ci si debba impegnare in due oppure ancora si debba essere di buona famiglia per poter permettersi la ralizzazione di tale sogno?!

E adesso, scusate pure se allargo un po' il discorso, mi viene da riflettere come comunque sia anche le istituzioni non facciano niente per venire in contro a tale problema.
Capisco che nel nostro paese ci siano dei più gravi e urgenti problemi da dover far fronte, dalla riforma delle pensioni alla lotta all'evasione e quant'altro, ma di certo è che e da anni che non si fanno più politiche a favore della casa: dalle mie parti l'edilizia popolare è ferma da anni! La gente, giustamente è involgiata all'acquisto a fronte di affitti impazziti, così il mercato rileva una crescita di domanda a tutto vantaggio di chi si trova nelle condizioni di vendere!

Forse adesso si sta muovendo qualcosa: il governatore della banca d'italia sostiene che i nostri mutui sono più alti della media europea, ma sinceramente, visto come poi funzionano le cose nel nostro paese, non so fino a che punto tale appello potrà essere preso in considerazione (specialmente nel breve periodo). Possono anche abbassarmi il mutuo, ma se una casa continuerà a costarmi comunque di più di quanto mi possa mai permettere in una sola vita, allora tanto vale!

Il prossimo che mi dice che gli italiani sono mammoni e a trent'anni sono ancora casina, giuro che potei non rispondere delle mie azioni! ;)

Capisco anche che in trent'anni di possibile muto di cose ne possano cambiare in positivo: trovarmi finalmente una brava ragazza che mi prenda e per cui rivendere l'immobile per un'altro più adeguato: ma dico io, posso mica vivere in questa speranza?!

Mi viene da rivalutare allora l'potesi dell'affitto! Spendere per spendere a quel punto però sarei esonerato dall'incombenza del mutuo!

Si, insomma, da questo punto di vista le cose non si fanno di certo rosee, e forse mi sto lasciando trasportare dalla mia solita sfiducia alla prima difficoltà. Forse devo solo lasciare che la cosa maturi da sola e prima o dopo una soluzione salterà fuori.
Vedremo allora cosa mantiene in serbo per me il destino :) !

Ciao e ancora grazie mille a tutti per l'attenzione,
M@rcello;-)

Al pronto soccorso per ansia, medico le prescrive sesso

Al pronto soccorso per ansia, medico le prescrive sesso
5 luglio 2007 alle 10:38 — Fonte: KataWeb

“Fare sesso due volte alla settimana, non di più”.

Questa la prescrizione che un medico in servizio al pronto soccorso dell’ospedale genovese Villa Scassi ha fatto ad una giovane donna affetta da “stato ansioso”. La visita è stata effettuata lunedì scorso, nel pomeriggio. La notizia è stata anticipata stamani dal quotidiano genovese “Corriere Mercantile”. La donna si è presentata nel punto di primo soccorso del nosocomio della delegazione di Sampierdarena afflitta da una profonda agitazione. Il medico l’ha a lungo visitata, effettuando anche una visita ginecologica. Dopo avere esaminato gli esiti della misurazione della pressione, dei battiti cardiaci, della respirazione in correlazione alle altre visite, il sanitario non ha potuto fare altro che scrivere sul referto un consiglio assai antico: “Fare sesso due volte alla settimana, non di più” per curare i sintomi di ciò che ha definito, sempre per iscritto, un semplice “stato ansioso”. Non resta che attendere gli esiti della cura, che potrebbe in un sol colpo spazzare via l’abitudine medica di prescrivere calmanti e ansiolitici.



Certo che in effetti letta così la notizia lascia davvero qualche spazio in più per qualche sorriso, nonché anche per qualche riflessione: non so perché ma ho come il sospetto che a me mi avrebbero invece imbottito di psicofarmaci! ;-)

In realtà andando un po' più a fondo alla vicenda (non molto a dire il vero, a volte basta una semplice google search per avere un riscontro immediato), si vengono a scoprire ben altri dettagli decisamente meno divertenti.

E penso che sia questo che in definitiva debba far riflettere davvero di più: di come insomma sia ancora possibile riuscire a vedere come si possa trattare superficialmente e manipolare per i propri fini delle notizie trasformandole in tutt'altro!

C'è davvero da rimanere indignati!

La notizia tratta dal sito repubblica.it la riporto per esteso qua sotto:



La storia del "sesso due volte alla settimana" contro le crisi d'ansia
La donna, una paziente psichiatrica, aveva forti perdite dovute ai troppi rapporti
"Nessuna prescrizione di sesso contro l'ansia"
Il medico di Genova spiega la strana ricetta
"Si trattava di un consiglio a stare più attenta che la paziente
ha chiesto insistentemente che le fosse messo per iscritto"


GENOVA - "Se non fosse perché la donna è seguita dai Servizi di Salute Mentale, ci sarebbe anche da ridere - dice Mario Zanna - ma siamo in presenza di un soggetto ammalato, di una persona che ci ritroviamo spesso in ospedale, perciò la storia è di una tristezza unica e certamente non merita di avere le attenzioni dei giornali". Poche parole quelle del primario del pronto soccorso dell'ospedale Villa Scassi, che però svelano cosa c'è dietro alla storia raccontata dal "Corriere Mercantile" e ripresa in mattinata da agenzie, siti internet e telegiornali. Di più spiega il direttore sanitario, Mauro Pierri: "La signora, una donna di 46 anni, sposata, lunedì scorso si è presentata al pronto soccorso ed al medico di guardia ha detto che aveva una perdita vaginale dovuto a troppo sesso, per cui questo l'ha fatta visitare da un ginecologo". Lo specialista non avrebbe riscontrato nulla di irregolare dal punto di vista ginecologico, se non queste piccole emorragie, e stando a quanto la stessa donna avrebbe dichiarato sarebbero dovute ai rapporti sessuali sfrenati.

"Il medico di guardia, così come avrebbe fatto con qualunque persona, le ha consigliato di fare meno sesso - precisa Zanna - la donna, però, ha continuato a chiedere, con insistenza, quante volte poteva farlo, e lui, per accontentarla, le ha scritto sul referto di farlo non più di due volte la settimana. Così lei è andata via contenta".

Nulla a che vedere dunque con la crisi di ansia. "Non c'entra nulla la prescrizione di fare sesso due volte la settimana per guarire lo stress, come è stato riportato dal giornale", ripete Mauro Pierri.

È uno spaccato triste quello che emerge dietro la vita di questa donna. Una storia di manie sessuali, alternate a depressione. "Si può scherzare sul sesso tra amici - commenta Zanna - ma non con soggetti malati". Il caso è chiuso.

(5 luglio 2007)

Sempre vostro,
M@rcello;-)

My Little-Big Passion


My Little-Big Passion
Originally uploaded by M@rcello;-)
... allora, mo vi spiego un po':
questa è la libreria che ho in camera dove custodisco gelosamente e anche con un non celato orgoglio il frutto di ormai una dozzina di anni di fumetti.

certo che anche a me effettivamente vedendoli tutti insieme mi fanno un certo effetto, tanto che a volte mi passa per la mente di dovermi dare una regolata visto che già solo l'anno scorso dovuto cambiare la libreria con questa anche a causa del fatto che non mi bastava più per contenerli tutti in maniera ordinata!

... in realtà penso che la cosa che mi piaccia di più, di tutto questo, sia l'idea di avere delle collezioni complete (o da completare), molto di più, per esempio, che tenere dei più classici divvudì!

si, insomma, non so perché, ma mi sembrano più immediati da usare... mi piace prenderli, sfogliarli, leggerli, ... e portarli in giro dove si vuole! poi figuriamoci adesso che sono entrato nel fantastico mondo del pendolarismo, ho anche un'occasione in più per fare fuori qualche arretrato di troppo ;)

chissà dove mi porterà tutto ciò... ma non importa, per ora me li godo così come sono!
ciao a tutti e grazie,
M@rcello;-)

Lasciati Andare!


Fireworks
Originally uploaded by M@rcello;-)
Nonostante non posso non considerare gli enormi passi avanti fatti, mi duole ancora ad oggi constatare in tutte le circostanze, le occasioni in cui mi trovo ad imbattermi, come non riesca ad abbandonare completamente questa mia costante diffidenza.
Li per li, mi lascio intimorire dagli eventi sconosciuti e imprevisti delegando così il tutto ad una "prossima occasione" dove poter fare una scelta più ponderata, consapevole che in realtà che di per certo questa prossima occasione verrà mai più.

E così nello sciocco e inutile tentativo di mettere i piedi dove l'acqua è più bassa, per non cercare di essere trascinato dall'impetuoso e straripante torrente della vita, mi lascio scivolare tra le mani occasioni e esperienze di un presente tutto da vivere, riponendo paradossalmente tutte le mie speranze in futuro tutto ancora da scrivere.

Sinceramente mi sono un po' stancato di questa cosa; vorrei essere molto più aperto e intraprendente! Vorrei insomma, per certi versi, essere più incosciente, più disposto a lanciarmi verso l'ignoto senza per forza di cose avere esattamente il controllo completo della situazione, dopo aver analizzato e sezionato ogni singola e possibile variabile.

Non che credo che questo sia di certo un male, ma in certe occasioni un po' di "sana incoscienza" mi farebbe davvero bene; penso che mi aiuterebbe un sacco a tirarmi fuori da questo guscio di diffidenza che negli anni mi sono costruito addosso.

Chissà, forse in questo mio atteggiamento ancora in parte sfiduciato e un po' cinico si cela la voglia di non crearsi aspettative che verranno immancabilmente infrante. Chissà, forse in questo mio atteggiamento rimane ancora una parte di me che vuole tenersi stretto le poche certezze che ha! Chissà...

C'è di buono che se non altro in tutto questo, ho imparato anche a assorbire con migliore forza i colpi delle sconfitte, per cui riparto già da oggi con un migliore slancio per affrontare il futuro ignoto (mmmm... mi sa che non ci siamo. continuo a ricascare nel solito errore. poi però non mi devo lamentare se non si va avanti ;-)

Ciao a tutti e grazie ancora per l'affetto che mi dimostrate continuando a leggere le mie "seghe mentali". Vi prometto che i prossimi post saranno dedicati ad altro.

Sempre con affetto,
M@;-)