Tempo da lupi!


Villa Serena
Originally uploaded by M@rcello;-)
E così il cielo grigio di questi ultimi giorni si è concretizzato stamane, con un bel temporale in piena regola con fulmini, saette e sopratutto tuoni che mi hanno strappato definitivamente al mio limbo onirico, proprio nel momento in cui mi è suonata la sveglia.

Questa notte è stata un po' agitata, frutto per lo più della "grigliata sociale" della sera precedente fatta, in un luogo non proprio allegro immerso nella periferia nord ovest di Milano, con in nuovi colleghi di lavoro, che per ragioni di "buoni rapporti" non ho potuto rifiutare :( : sono stato in ballo fino alle quattroemmezza, fino a quando non mi sono deciso ad alzarmi a andarmi così a scolare una bel mezzo litrozzo d'acqua!

Questo "scherzetto" insomma, mi ha fatto nell'ordine, non prendere il treno (con abbonamento già pagato), prendere la macchina per raggiungere il posto di lavoro, stare in ballo tutto il giorno, nonchè perdermi in questa tremenda periferia, nell'inutile tentativo di ritrovare la strada di casa per il rientro ... a tarda notte!

Adesso ha smesso di piovere e di certo però questa plumbea atmosfera non aiuta a rendere questa amena località, fatta di enormi casermoni decadenti, più accogliente.

E così il mio pensiero vola alla prossima settimana, quando ovvero dovrò ancora fare il turno di reperibilità: il che significa essere pronto in ogni occasione, una volta rientrato a casa la sera (metre il sabato e la domenica full-time), a rispondere al cellulare aziendale a tutte quelle persone che in un modo o nell'altro valuteranno di avere "un'emergenza informatica" bloccante! Ho già superato la mia prima settimana di reperibilità senza troppi impacci, ma di certo c'era d'aggiungere il fatto che stavamo ancora parlando di una delle ultime settimane d'agosto, per cui poco personale in giro...
Questo fatto però non mi lascia molto a mio agio; si concretizza drammaticamente uno dei miei più orribili incubi: portarmi il lavoro a casa! Considerato poi che il sistema informatico aziendale è molto complesso, e per quanto mi consideri una persona sufficentemente abile e capace nel proprio lavoro, l'idea di dover fare fronte ad emergeze su un sistema che non conosco perfettamente a fondo, non mi lascia particolarmente tranquillo.

Lunedì poi dovrò presentarmi presto (molto presto: vorrebbero per le 8.00! considerato che abito ad una trentina di chilometri e il viaggio in treno mi dura un ora e venti) in ufficio per effettuare un prelievo del sangue. Tutto perchè il nostro servizio è stato scelto come gruppo di controllo per una ricerca sull'assorbimento del benzene da parte dei benzinai! Ovviamente dovrò optare per la macchina... :(

La settimana dopo invece avrò il turno di chiusura; questo invece vorrà dire che sarò tenuto a stare in ufficio fino alle 18.30. Ovviamente questo di per se non sarebbe un problema se non fosse che io arrivo in ufficio (sempre) in treno! Ad oggi mi sono organizzato con le varie coincidenze che devo prendere, e devo ancora valutare se mi convenga, uscendo quell'ora, "tentare la sorte" con il treno o prendere la macchina (rinunciando all'abbonamento già pagato!). Di certo c'è che alle 17.30 mi chiudono il cancello dei dipendenti, costringendomi pertanto ad uscire da quello principale e allungare di un altro bel chilomertino l'altrettanto lungo tragitto che già mi faccio quotidianamente a piedi!

... non lo so', c'è di concreto che in questo ultimo periodo mi trovo a dovermi sentire più coinvolto, più di quanto non voglia, a questo nuovo lavoro, a questi luoghi non proprio allettanti... e per certi versi non sono ancora convinto che questa sia la mia strada... (anzi, diciamo pure che ne sono abbastanza certo!) Mentre a tutto questo si aggiunge ancora il fatto che mi trovo difficoltà a rapportarmi (solo, sia ben inteso) con alcuni colleghi in quanto vedo in loro dell'inutile competitività al posto che della sana collaborazione.
L'unica cosa che per ora mi fa restare, oltre al fatto di non avere alternative concrete in mano ( ;-), è la speranza di riuscire ad inserirmi in attività più interessanti (come ho già accennato prima il sistema è complesso e di occasioni volendo ce ne potrebbero essere), mentre continuo a credere che debba darmi del tempo per farmi digerire degli "insani" grilli per la testa, nonché il mio timore di deludere qualcuno... non ultimi i miei responsabili in ufficio che si sono resi disponibili a credere in me e che considero (almeno ad oggi e in questo in passato ci sono rimasto scottato parecchio in prima persona (mai dare troppo per scontato...)), nonostante gli alti e bassi della quotidianità, delle persone oneste, corrette e in gamba.

Di certo che in tutto questo dovrò rinunciare un po' di più ai miei viaggi in treno, per cui non potrò avere occasione di poter incontrare tutta quella bella gente che ho imparato a conoscere in questi tempi, che se non altro alleviavano il pensiero di affrontare tutto questo.

...chissà... magari col tempo cambieranno un po' di cose... per ora invece sono un po' dei tempi da lupi!

1 commento:

MarKino ha detto...

si ma la grigliata? e` andata bene, almeno?