Corso SQL Primo Giorno

Oggi ho iniziato il corso propedeutico alla mia nuova attività lavorativa.

Durerà solo una settimana delle due previste, in quanto alla successiva del mese di novembre non potrò partecipare causa restrizioni contrattuali con la mia ormai in scadeza attuale attività.

In questi giorni poi, incomincerò a prendere confidenza non solo con la abbondante strada da percorrere in macchina ma ovviamente con i futuri colleghi nonchè con la struttura che spero mi ospiti per gli anni a venire.

Nonstante il traffico mattutino riesco ad arrivare per tempo, dopo di chè mi metto subito alla ricerca di migliori informazioni sul dove recarmi. A questo punto raggruppata la piccola comitiva di studio ci si reca nell'aula attrezzata e una volta giunti dopo un inizio un po' fiacco dovuto alla timidezza del caso, ci si immerge nelle ore di corso programmate per la giornata.

Ci fa lezione un romano rampante quarantaduenne vestito e pettinato per l'occasione di tutto punto, il quale esordisce non solo col lo sfoderarci la sua "ventennale esperienza nel campo" e portandoci "giosamente" al corrente di aver tenuto, in tutti questi anni di carriera da libero professionista, addirittura milleduecetoi corsi in tutta italia, ma addirittura anche nel presentarci le sue "regole d'oro" che è solito usare in tali circostanze.

Ovviamente le stesse prevedono, tra le altre cose, il fatto che "non lo disturba affatto essere interrotto in _qualsiasi momento_ per chiedere delucidazioni" (ammesso che sia possibile inserirsi in un suo discorso e un altro visto l'esposizione a getto che si ritrova), che in caso di "interruzione da parte di una telefonata urgente di un allievo", "riuscire ad essere sufficentemente abile nel driblare il discorso in corso in favore del momentano assente (a patto che lo stesso non perda ciò che ha da dire in quel momento), e l'assoluto divieto di usare mouse e tastira durante la spiegazione perchè questo "lo deconcentra".

Detto ciò, finalmente attacca a parlare di cose forse un po' più interessanti, con il terribile difetto di riuscire a esprimersi con la vivacità di un disco registrato :-(

È un po' confusionario e poco schematico nello spiegare e per me è abbastaza difficile riuscire a prendere degli appunti decenti (ma c'è anche da dire che forse in questo mi trovo un po' in arretrato).

In conclusione, di certo non posso discutere sul fatto che possa essere un ottimo analista, ma se posso, mi permetto di aggiungere che come istruttore ci sarebbero ulteriori margini di miglioramento.

Sia come sia, tra un concetto e l'altro non lesina a lasciarsi andare, anche con un certo tipo di trasporto, non solo a qualche piccolo "aneddoto" di questa e quella avventura lavorativa, ma sopratutto a qualche piccola indiscrezione personale, dalla quale emerge che "ama Milano più della stessa Roma" (contento lui), ma che nel corso degli anni sta abbandonando l'attività di consulente informatico, di cui era fino a non molto tempo fa a capo di una società di 120 persone ridimensionate successivamente a 10, per poi diventare entro (così almeno dice lui) due anni "laureato in in eno-gastronomia"!

ORA MI SPIEGO UN SACCO DI COSE!!!

Vabbhè, facezie a parte, per ora il corso procede, con non poche difficoltà, ma conto comunque di riuscire ad intergrare le lezioni con l'ausilio di un buon manuale. Spero solo di essere infine in grado di riuscire a coprire il sevizio che mi verrà chiesto.

Ciao e alla prossima, sempre vostro,
M@rcello;-)

2 commenti:

ortica ha detto...

beh, dai...SQL è un ostico all'inizio, ma non è difficile. poi esistono infinite informazioni sul web, se l'insegnante non è in grado!
buon corso!

M@rcello;-) ha detto...

mizze, ma quanto sei avanti!!! ogni giorno che passa riesci a stupirmi sempre di più!

... cmq sia, l'ho ben capito anch'io che l'sql, non è difficile. anzi, sicuramente molto più facile del c++!!!
a volte però risulta essere abbastanza complesso (tipo con le subquery), e siccome ho perso l'abitudine di fare certi ragionamenti logici, a volte vado in completa confusione :-(

confido che la mia nuova mansione non richieda gradi di complessità esagerata...
poi, come forma di buon proposito, ho già preso il mittico manuale "for imbecil". adesso c'è da capire se riuscirò a studiarlo ma sopratutto a farlo fruttare ;-)

ciao e grazie, alla prossima,
M@rcello;-)