Vacanze Romane 2! (la vendetta)

Quanto riporterò è la dir poco esilarante commento della parentesi romana del nostro amico burino!

Non aggiungo ulteriori commenti in quanto non renderebbero giustizia a quanto scritto.

Dunque senza indugio alcuno vi lascio alle delizie del nostro caro Luca.

Ciao,
Marcello



Correva l'anno del signore 2006 il 5 gennaio scorreva assolato ed operoso come sempre nella capitale quando un inquietante trillo turbava la produttivita' del nostro eroe: erano due cornuti ( nel senso dell'elmo) barbari! Ahime' gli unni erano di nuovo calati in citta' con una SEAT sotto sale!. Ovviamente di tutti i 1440 minuti del giorno han chiamato proprio in quello in cui stavo parlando con il direttore tecnico per cui si son beccati la prima rispostaccia del we! Comunque dopo un'appassionante giro del grande raccordo anulare ( immagino ora abbiate capito come grande sia il frutto di oggettive dimensioni, non come Cello quando si bulla dei suoi organi sessuali) siamo quindi arrivati alla magione dove sono stato edotto sulle sole e scuse PENOSE fornite da un certo Geometra anche in quest'occasione! Siamo a 3 buche consecutive!!!!!! Comunque siccome sotto sotto, sotto sotto, ma proprio sotto sotto sono un omino buono anch'io prima di inserire il suddetto Geo nel libro nero dei cattivi porteremo ancora un po di pazienza! ( avete notato il noi modello Papa? che classe!). Comunque dopo aver distribuito le vettovaglie che sarebbero state fatte sparire in meno di 48 ore ( ahime' dei pizzoccheri e del vino non vi e' piu' traccia checche' io cerchi!) e dopo essere stato deliziato dai racconti di viaggio dei miei prodi argonauti, anzi seatnauti siamo andati a far la spesa ed a cacciare della pizza a taglio ( viste le abitudini celtiche siamo stati costretti alla caccia!) abbiamo desinato ignari di quel che la sera ci avrebbe portato: una meravigliosa tombola di oggetti terrificanti, a cui posso dire con un certo orgoglio Marco ha contribuito con un vero colpo da maestro con una mazza ferrata da antologia dell'orrore, roba da Dario Argento in preda al delirio alcoolico!
Si perche' ho corso rischi enormi per la mia gia' traballante reputazione portando i due baldi giovani a casa di mie AMICHE! Almeno Cello e Marco han potuto lustrarsi gli occhi se non competere! Che soddisfazione! Certo ho rischiato di soffocare in tutti quegli ormoni ma si sa, per un amico questo ed altro! E poi ho potuto osservare il rituale del muflone muschiato in amore, cosa particolarmente interessante dal punto di vista sociologico! Siete forti voi Celti!
E' da notarsi poi come Marco, nel vile tentativo di eliminare i suoi simbiotici parassiti ha raso al suolo ( a colpi di napalm immagino) tutto il folto pelame sperando cosi' di attirare un qualsiasi esemplare di sesso femminile! Debbo dire che il tentativo e' stato purtroppo vanificato dai terrificanti premi in palio per cui eravamo tutti ben piu' attenti ad evitare di vincere che all'altro sesso. Com'era ovvio l'epica astinenza sessuale ha prodotto vittorie di pacchi di agghiaccianti oggetti che, temo, siano vietati dalla convenzione di Ginevra!
E siamo al 6! Svegliati con calma e mangiate delle deliziose linguine ajo ojo e peperoncino per colazione ( e gia' che non mi avete portato un cinghiale vivo!) siamo riusciti ad uscire verso le 4 per andare a Piazza Navona a vedere il mercatino della Befana. Dopo un'oretta di traffico intenso ( che a Cello e' apparsa come lotta per sopravvivere al coltello e tentato omicidio plurimo) abbiamo parcheggiato e siamo riusciti a giungere davanti alla piazza con una mezz'oretta di passeggiata e chiacchiere, quand'ecco che, per la prima volta in vita mia, probabilmente a causa degli orridi lineamenti barbarici dei miei due amici ci e' stata interdetta la piazza, alla fine son d'accordo: ok la befana, ma i mostri si vesteggiano ad Halloween e poi avrebbero terrorizzato tutti i bambini!
Siamo quindi tornati a casa dove ci siamo dati al pizzocchero con Chiara ( la mia attuale fiamma su cui attendo commenti) ed il Conte, uno dei miei ex scoutini con cui ci siamo dati ad un poker a 5 inframezzato solo dai lamenti di Marco e Cello per la fortuna sfacciata di Chiara che, stando con me, ha gia raggiunto la sfiga massima per cui non poteva far altro che vincere!
L'indomani un impegno familiare mi priva della loro compagnia fino alle 7 di sera ( e sa il cielo se la coscienza non mi rimorde per aver lasciato questi due in giro liberi per la citta' senza medaglietta e museruola.
Sia come sia riusciamo a recarci alle fraschette onde lavare l'onta di Cello nel Frascati. Nel far questo recuperiamo Benedetta, che aveva umiliato il Cello quest'estate! Passiamo il tempo del viaggio deliziati dalle meravigliose indicazioni di Benedetta che ci ha fatto fare i peggiori vicoli e Cello che va dal lamentarsi per la dimensione delle strade ( eh si le dimensioni contano!) a constatare che Roma e' piuttosto estesa (ma va? se non hai bisogno di spazio per tenere branchi di mufloni da seviziare si possono costruire un sacco di case!). Sia come sia non solo arriviamo, non solo parcheggiamo (nonostante Cello che vuol far finta di rispettare le leggi) ma riusciamo anche ad entrare in meno di 20 minuti ( un record!) e ci intratteniamo con amabili quantita' di vinello, affettati e della santa porchetta che pareva liquida tanto si scioglieva bene in bocca!. Il Cello regge ben 2 bicchieri stavolta per cui possiam tornare a casa sempre deliziati dal Cello che si lamenta che i romani non rispettano le corsie!( se lo facessimo sai che spazi ci servirebbero visto il numero di macchine???????).
Purtroppo il we termina e il mattino dopo di buon ora i nostri due si levano dai.....sacchi a pelo e partono! Che dire ! han lasciato un vuoto! Che siano le provviste o i beveraggi che si son fatti fuori?
Speriamo di replicare presto!!!!

Luca

Nessun commento: